HAARP esiste: le immagini Nasa ne mostrano la prova

Immagini satellitari trasmesse dalla Nasa in data 26 marzo 2013 mostrano quello che alcuni ritengono la prova definitiva dell’esistenza del progetto HAARP, tecnologia usata per provocare cambiamenti climatici in una determinata zona del mondo. Le immagini mostrano una spirale di grandi dimensioni partire da un punto ben preciso. Sembra una serpentina fatta da onde che si propagano diventando sempre più ampie. Il “segnale” è partito dalle isole Prince Edward ,più precisamente dalla stazione meteorologica dell’isola di Marion.

       Image33  Image32

Queste due isole appartengono alla provincia di Città del Capo e sono situate nell’Oceano Indiano. Le immagini satellitari sono a dir poco sorprendenti.  Immagini NASA che mostrano gli effetti della TTA e HAARP in azione. Probabilmente la prova definitiva della possibile modificazione climatica!

 

  • Prince Edward Island
  • HAARP
L’Isola Marion è la più grande delle due, si trova ad una latitudine di 46°54′ S e una longitudine di 37°5′ E. Ha una lunghezza approssimativa di 19 km e una larghezza di 12 km, per una superficie di 290 km² ed una linea costiera di circa 72 km, gran parte dei quali coperti da alte ed inaccessibili scogliere. Il punto più alto dell’Isola Marion è lo State President Swart Peak, che raggiunge i 1.230 m sopra il livello del mare. Entrambe le isole sono di origine vulcanica. L’Isola Marion è una delle vette di un grosso vulcano sottomarino, che si innalza per circa 5.000 metri dal fondale marino fino allo State President Swart Peak. Il vulcano era ritenuto spento, ma eruttò di nuovo nel 1980 e da allora è classificato come “attivo”.
La High Frequency Active Auroral Research Program (conosciuta anche con l’acronimo di HAARP) è un’installazione civile e militare statunitense situata in Alaska (nei pressi di Gakona, a ovest del Parco Nazionale Wrangell-Santo Elias, in una base della United States Air Force). Gli scopi dell’installazione sono la ricerca scientifica sugli strati alti dell’atmosfera e della ionosfera e la ricerca sulle comunicazioni radio per uso militare. L’impianto HAARP è in grado di inviare onde radio nella ionosfera. Le onde, colpendo la ionosfera, la riscaldano causando delle leggere perturbazioni, simili a quelle provocate dalla radiazione solare, ma notevolmente più deboli. Lo scopo è quello di studiare in che modo queste perturbazioni influiscono sulle comunicazioni a breve e a lunga distanza.