Il Perù riconosce ufficialmente la presenza degli UFO

L’Air Force del  Perù  (FAP) ha deciso di agire alla storica notizia che il governo ha accettato la presenza ufficialmente la presenza  di  UFO (oggetti volanti non identificati)  nello spazio aereo del Paese. La stessa Aeronautica militare ha recentemente riaperto il DIFAA, Dipartimento di ricerca sui fenomeni anomali celesti. Fondato nel 2001 si occupa di studi relativi agli UFO. Il gruppo di ricerca è composto da otto civili (un astronomo, un archeologo, un sociologo, un ex pilota, un fisico, un filosofo, un comunicatore , un sociologo) e due militari con il compito di verificare ed analizzare tutti i comunicati che registrano fenomeni anomali tipo sfere, oggetti allungati, tamburi, triangoli, diamanti e luci brillanti. Il Ministro della difesa del paese, Peter Cateriano ha dichiarato che:

il Perù  ha ora a piena capacità di analizzare e indagare autonomamente ed indipendentemente questa fenomenologia, ed in via eccezionale a scambiare informazioni con paesi vicini, al fine di confrontare dati per avere conclusioni più precise sulla casisstica

Anche se il ministro peruviano non ha raggiunto una conclusione più precisa, il comitato consultivo della Difaa è pronto ed aspetta impaziente che  squilli il telefono per aprire un altro file e chiarire finalmente la questione se siamo e non siamo soli nell’universo. Agenzie simili esistono anche in Brasile, Cile e Argentina dimostrando come, ancora una volta, il sud America sia sempre molto predisposto a risolvere ufficialmente la questione UFO.