Scoperti i segni della leggendaria Atlantide?

Agenzia giapponese scopre una massa granitica al largo della costa del Brasile

RIO DE JANEIRO – Un enorme masso di granito è stato trovato sul fondo del mare al largo della costa di Rio de Janeiro, avvalorando l’esistenza in un antico passato di un continente nell’Oceano Atlantico. Lo hanno annunciato l’Agenzia giapponese Marine-Earth Science and Technology ed il governo brasiliano. Un funzionario brasiliano ha detto che la scoperta del granito – che si forma normalmente solo sulla terra ferma – è un forte indizio che un continente si trovasse nella zona e quindi una prova sull’esistenza della leggendaria isola di Atlantide. Secondo la leggenda, l’isola ospitò una civiltà altamente sviluppata, affondata nel mare intorno a 12.000 anni fa. Purtroppo non è mai stata trovata alcuna traccia della sua esistenza. La scoperta è stata fatta utilizzando un Shinkai 6500, un piccolo sommergibile con equipaggio gestito dall’agenzia giapponese. Si stima che la massa granitica sia affondata in mare diverse decine di milioni di anni fa. Nella zona non sono state trovate strutture artificiali.

E’ la prima volta che una ricerca condotta nel sud dell’Atlantico utilizza un sommergibile con equipaggio. Alla fine di aprile, l’agenzia giapponese ha utilizzato il dispositivo per l’esplorazione in risalita del Rio Grande Rise, un fondale che si trova a più di 1.000 km a sud est di Rio de Janeiro. Dopo aver analizzato i dati video, l’agenzia ha concluso che fosse granito. Nei paraggi della zona è stato anche scoperta un grande quantità di sabbia di quarzo, creando non poco sgomento data l’impossibilità che tale materiale si possa creare in mare. Secondo la Marine-Earth Science and Technology, quella del Rio Grande Rise è l’unica area plausibile che potrebbe essere stata sulla terraferma in passato. Nonostante questa scoperta, tuttavia, gli esperti sono rimasti ovviamente molto cauti nel trarre conclusioni rispetto ad Atlantide. Shinichi Kawakami, professore presso l’Università di scienze planetarie di Gifu, afferma che il granito avrebbe potuto essere una parte di un grande continente, prima di separarsi da quello che oggi conosciamo come l’Africa o il Sud America.

  • Atlantide
  • Shinkai 6500
  • JAMSTEC
Atlantide è un’isola leggendaria, il cui mito è menzionato per la prima volta da Platone nei dialoghi Timeo e Crizia. Secondo il racconto di Platone Atlantide sarebbe stata una potenza navale situata “oltre le Colonne d’Ercole”, che avrebbe conquistato molte parti dell’Europa occidentale e dell’Africa novemila anni prima del tempo di Solone (approssimativamente nel 9600 a.C.). Dopo avere fallito l’invasione di Atene, Atlantide sarebbe sprofondata “in un singolo giorno e notte di disgrazia” per opera di Poseidone. Il nome dell’isola deriva da quello di Atlante, leggendario governatore dell’Oceano Atlantico, figlio di Poseidone, che sarebbe stato anche, secondo Platone, il primo re dell’isola.
Il Shinkai 6500 è un sommergibile di ricerca con che può immergersi fino a una profondità di 6.500m. E ‘stato completato nel 1990 e fino al 2012 ha avuto il record di profondità di qualsiasi veicolo con equipaggio di ricerca nel mondo. Il Shinkai 6500 è di proprietà e gestito dall’ Agenzia giapponese Marine-Earth Science and Technology (JAMSTEC).
L’Agenzia giapponese Marine-Earth Science and Technology letteralmente “istituzione indipendente amministrativa per la ricerca e lo sviluppo marino),o JAMSTEC, è un istituto giapponese di ricerca nazionale per la scienza e tecnologia marina.E ‘stata fondata come Giappone Marine Science and Technology Center nel mese di ottobre 1971 e divenne un’istituzione amministrativa indipendente gestita dal Ministero della Pubblica Istruzione, Cultura, Sport, Scienza e Tecnologia (MEXT) nell’aprile del 2004.